Gli italiani si preoccupano della manutenzione della propria auto?

0
329

La storia d’amore tra gli italiani e l’automobile è qualcosa di viscerale, che porta i nostri connazionali a preferire questo mezzo di trasporto per tutti gli spostamenti, dalle vacanze al lavoro. L’automobile non solo è uno status symbol ma è concepita come forma di identificazione personale oltre che sociale. Entrare nell’auto di un italiano equivale a entrare in casa sua, satura della sua personalità. Ma la amiamo abbastanza da prendercene cura a dovere? Per essere più chiari, la manutenzione la facciamo?

Secondo i dati di una ricerca condotta da Direct Line ben 3 milioni di veicoli non vengono sottoposti neanche alla manutenzione dell’auto ordinaria, figuriamoci quella straordinaria. Purtroppo è un dato preoccupante, da non sottovalutare specie in termini di sicurezza: dobbiamo sempre tenere a mente che un’auto non sicura è un pericolo non solo per chi la utilizza ma anche per gli altri!

Nonostante la maggior parte degli italiani abbia dichiarato di esser consapevole dell’importanza della manutenzione della propria vettura, il 12% sostiene di non effettuarla a causa dei costi eccessivi. In parte potremmo esser effettivamente d’accordo: molti meccanici hanno dichiarato che il prezzo dei ricambi con l’introduzione dell’euro è salito a dismisura e che numerosi clienti, avendo perso potere d’acquisto, hanno ridotto all’osso gli interventi sulla propria vettura.

Rispetto ai primi anni della crisi ormai le case automobilistiche si sono attrezzate per poter supportare i propri clienti e aiutarli a prendersi cura dell’auto. Esistono diversi piani di manutenzione, dedicati sia a macchine nuove, e quindi attivabili entro il primo controllo della vettura, sia – e qui viene il bello – alle auto più vecchie che l’hanno già effettuato.

L’offerta è ampia e personalizzabile in base alle esigenze del cliente, sia in termini di tempo che di chilometraggio. Si può scegliere un piano di assistenza base che preveda la manutenzione ordinaria con cambio del liquido dei freni, dei filtri, dell’olio e della frizione, piuttosto che servizi straordinari come la sostituzione delle pastiglie e dei dischi dei freni o della batteria. Persino il cambio delle spazzole dei tergicristalli, che noi tutti spesso sottovalutiamo ma che se non sostituite per tempo rischiano di compromettere l’integrità del parabrezza.

Scegliere uno dei piani di manutenzione dei centri autorizzati vuol dire avere una certezza dei costi e quindi prezzi bloccati in base agli accordi presi, per cui non si è più in balia delle oscillazioni del mercato o dell’arbitrarietà del listino di alcuni meccanici non esattamente onesti. Si può anche richiedere di partecipare al controllo fissando un appuntamento, per poter visionare la propria vettura insieme ai tecnici autorizzati e scegliere che tipo di manutenzione effettuare di volta in volta.

Alcuni automobilisti vedono nel fai da te la soluzione al problema dei costi, ma non sempre si rivela un metodo efficace, né tanto meno sicuro. Ovviamente ci sono piccoli accorgimenti che ognuno di noi può adottare, e anche alcune cose che con un minimo di conoscenza possiamo far da soli, eppure è sempre meglio delegare a dei professionisti.

Le possibilità sono tante perciò sarebbe meglio informarsi e affidarsi a chi è più competente di noi in materia, ma soprattutto è importante sfruttare queste offerte per non rischiare di tralasciare piccole riparazioni che se trascurate potrebbero causare danni più ingenti nel tempo.

LASCIA UN COMMENTO